INAIL - Finanziamenti alle imprese- Presentazione nuovo bando


L'INAIL ha presentato al Consiglio di Indirizzo e Vigilanza dell'Istituto il nuovo bando per il finanziamento alle imprese per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Nel rimandare alla lettura delle diapositive predisposte dall'Istituto (all. 1), ne evidenziamo gli aspetti più significativi.

Lo stanziamento complessivo è pari a 241.290.809 euro. Gli stanziamenti dei singoli assi, da assegnare con un'unica procedura di finanziamento, sono suddivisi in budget regionali.

Il finanziamento delle attività prevenzionali INAIL consiste in un unico bando suddiviso su 5 assi:

  1. Generalista, per i progetti di investimento e di adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale, con una dotazione pari ad euro 93.084.642;
  2. Progetti tematici, movimentazione manuale dei carichi (traino a spinta, sollevamento e trasporto, movimenti ripetuti ad alta frequenza, ecc.), con una dotazione pari ad euro 44.406.458;
  3. Progetti di bonifica dei materiali contenenti amianto, con una dotazione pari ad euro 58.800.000. possono partecipare tutte le imprese, anche quelle piccole micro del legno e della ceramica. Sono escluse quelle destinatarie dell'asse Agricoltura;
  4. Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della ceramica e del legno, con una dotazione pari ad euro 10.000.000. Tali imprese possono partecipare unicamente al bando specifico per i due predetti settori ed all'asse amianto;
  5. Agricoltura, con una dotazione pari ad euro 35.000.000.

 

Platea dei destinatari

Il bando di finanziamento è stato aperto, per la prima volta, anche alle imprese del terzo settore non iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio, agli organismi di volontariato, alle ONLUS , alle ONG, per i soli progetti relativi alla movimentazione manuale dei carichi.

Semplificazione

In nuovo bando, che sarà reso pubblico entro la fine del 2017, prevede anche una semplificazione delle procedure, in modo da aiutare le imprese ad individuare più facilmente i progetti ammissibili ed a rispettare le prescrizioni del bando.

Redistribuzione risorse utilizzate

Dopo il click day si potrà ampliare il numero dei progetti ammessi per ogni regione utilizzando i residui degli stanziamenti attribuiti alle altre regioni nell'ambito dello stesso asse, inoltre, le somme residue non distribuite nell'ambito di ciascun asse tra le regioni sono riassegnate all' asse generalista, ad esclusione del finanziamento non utilizzato dell'asse Agricoltura.

Il nuovo bando prevede anche il recupero delle somme per le domande non confermate a causa della mancata consegna della documentazione entro il prescritto termine di 30 giorni. Tali somme non utilizzate sono assegnate, mediante scorrimento, alle imprese collocate nella graduatoria nelle posizioni immediatamente successive